Tasmania!


Holaaaaa gente!!!!

Scusate se sono scomparsa, ma per due settimane sono stata un po’ fuori dal mondo!

Come dovreste gia’ sapere, ho deciso di farer questo salto nel buio e seguire il mio “australian romance” in Tasmania.

Avrei da raccontarvi cosi’ tante cose che non saprei proprio da dove cominciare..iniziero’ col darvi qualche informazione sulla destinazione..

La Tasmania, e’ il piu’ piccolo e il piu’ selvaggio stato australiano, e’ un’isola, e si trova a sud di Melbourne, piu’ o meno. Ha un passato particolarmente sinistro, dato che, proprio per il fatto di costituire territorio separato dal resto del continente, fu scelta dagli inglesi come principale centro di detenzione.

Il nome stesso, Tasmania, in memoria dell’esploratore che per primo si imbatte’ in questa terra, un certo Tasman, ha un’ombra inquietante. Mi e’ stato fatto notare, infatti, che l’anagramma di Tasmania e’ “I AM SATAN”..E se ancora non avete i brividi, date un po’ un’occhiata alla forma di ques’isoletta spazzata dai venti antartici..

Le vedete le corna?

Io ci sono rimasta di sasso..oltre a questo però la Tasmania è il luogo dove, a quando dicono le guide, la natura è rimasta indomita per più tempo, e dove foreste impenetrabili e splendide spiagge dalla sabbia bianchissima si alternano con costanza.

Niente male eh…Piccolo problema: le stagioni qui si alternano con la stessa frequenza che da noi, quindi, se ci  vai in autunno, ti becchi le tue due brave settimane di pioggia e gelo!

Così, la natura selvaggia ti sembra avvero impenetrabile, le magnifiche spiagge di sabbia bianca assumono un uniforme color grigio ghiaccio, e se non ti asciughi i capelli dopo la doccia ti becchi anche un malanno.

Eccovi riassunta in tre righe la mia esperienza in Tasmania.

Ma se i luoghi visitati non hanno rifocillato particolarmente la mia vena da scrittrice, non posso dire lo stesso dei miei compagni di viaggio.

Di Sbrincio vi ho già accennato, ciò che non sapete, è che insieme a noi c’era un terzo piacevole individuo, che per la privacy, e perchè ci è simpatico, chiameremo “Schwanz”.

Schwanz incarna alla perfezione lo stereotipo del crucco nevrotico maniacale e sconfitto dalla vita.

Non gli ho visto fare un sorriso in due settimane di viaggio, ha un’espressione di disappunto perennemente disegnata in volto e modi di dispotica cortesia, con i quali impartisce ordini concernenti ogni minuscolo aspetto del viaggio: dall’itinerario, alla spesa, all’ora della sveglia, al passo da tenere durante le escursioni.

Insomma, era un po’ come essere in uno di quei tour organizzati, in cui la guida indossa un cappellino col ventilatore incorporato, e ti cronometra le pause per le foto.

Schwanz cronometra anche il tempo da dedicare alla colazione, una bestemmia per me! 🙂

Sbrincio lo tollerava a malapena, e io ho fatto buon viso a cattivo gioco fino a quando, una mattina, dopo aver dettagliatamente elencato tutti i vari modi in cui far sparire un cadavere senza lasciare tracce, ha simpaticamente accennato al fatto che io, in quanto italiana, dovrei avere una gran cultura in materia, dato che quasi sicuramente sono implicata con la mafia.

Ma brutto lascito del terzo reich che non sei altro! Vuoi la guerra? E guerra fu.

Ma questa è stata solo la goccia che ha fatto traboccare il vaso. Per tutto il tempo Schwanz non mi ha quasi rivolto la parola, tenendomi così all’oscuro dei programmi di viaggio, che venivano rigorosamente discussi in tedesco. Così io mi ritrovavo trasportata da un luogo all’altro come una valigia..

Ho sopportato tutto ciò perchè alla fine questo era il modo più economico per viaggiare, e perchè, se consideriamo Schwanz solo come una guida turistica, devo ammettere che ha fatto un ottimo lavoro. Era come avere una Lonely Planet in forma umana.

Per quanto riguarda Sbrincio posso dire una cosa sola: se i maia avevano ragione e nel 2012 ci saranno un sacco di catastrofi naturali che distruggeranno la civiltà, se volete salvarvi avete due possibilità: Bear Grylls o Sbrincio.

Giuro, è in grado di cacciare, costruire ripari in meno di dieci minuti, accendere fuochi con terreno bagnato e legna bagnata e..desalinizzare l’acqua marina!!

Io mi sentivo davvero come in quei film in cui l’imbranata di ragazza di città incontra il rude uomo della giungla. Mi è piaciuto! 🙂

A prestissimo per gli ultimi aggiornamenti

TasMad

Annunci

6 risposte a “Tasmania!

  1. ciao facci sapere se li sono arrivate le radiazioni dal giappone

  2. e nel resto dell’australia? al nord ad esempio?

  3. Dov’è l’ammmmmmore… Dov’è l’ammmmmmmore… We, fate i bravi durante l’Adelaide-Perth, eh! E tenete ilserbatoio pieno! 😉

  4. Edoardo… hey stai facendo il tifo per la parte sbagliata!!! Guarda che vengo ad Adelaide e ti metto una banana nel tubo di scappamento della macchina 🙂

  5. Il tuo host ad Adelaide

    Very Anonymous che poi tanto anonimous non sei, vieni pure, l’auto non ce l’ho… 😉 Se vieni dopo il 3 giugno, è anche meglio! 😀

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...